L’Albero circondato da “Giganti”

…dev’essere tenace per sopravvivere.

Prima o poi, le avversità colpiscono chiunque. Ci viene negata importanza, la gente non ascolta ciò che abbiamo da dire e le circostanze ci sono contro.
In situazioni simili, si deve contare solo sulla propria determinazione, senza la quale non si può uscire con successo dal pericolo. 
     Nei periodi difficili, l’esito dei nostri sforzi dipende dall’osservazione e dalla determinazione. Il semplice accanimento con i fatti non ha mai reso buoni frutti a nessuno.

“Le calamità sono occasione di virtù.”
– Seneca –

   Osserviamo invece con attenzione la situazione, e impegniamoci ad agire. Se le circostanze ci mettono alla prova, cercheremo conforto nel fatto che le avversità ci obbligano a consolidare le nostre risorse e capacità, ed emergeremo dalle difficoltà più forti di prima.

     Non lasciamoci sopraffare dalla paura. Se proprio dobbiamo, assumiamoci i rischi calcolati evitando di affrontare pericoli inutili. Se la nostra mente è concentrata al massimo, alla fine trionferemo.        

     In mancanza dì costrizioni, l’albero non sarebbe obbligato a disciplinare la propria forza per crescere in direzione della luce. E se alla fine si trasforma in un albero grandioso, in parte lo deve proprio alle avversità che li ha permesso di rinforzarsi.

     I periodi avversi possono dunque rivelarsi cruciali nello sviluppo della nostra personalità.

Ricordati Oggi:
     Non ci sarà mai dato più prove da superare di quante non ce ne servano.
     Non ci sarà mai data una sfida più grande di ciò che siamo in grado di affrontare!
     Perciò, cerchiamo di  scoprire che cosa si possa imparare da quel guaio…

“L’avversità ha il dono di svegliare talenti

che nella prosperità sarebbero rimasti addormentati”

– Orazio –

Ciò che non ci uccide ci rende Più Forti!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *